• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP

Articoli Engea

Vi presentiamo…Asd El Vachero

L’Asd nasce negli anni 2000 in provincia di Bergamo, da una genuina passione dei proprietari, che porta ad utilizzare in un primo momento la struttura come pensione per cavalli.

Pian piano il maneggio si ingrandisce, e allo stato attuale ospita 23 cavalli, con la possibilità di arrivare fino a 30. Sergio Marra, il fondatore e proprietario, si dedica agli animali, il cui benessere ha priorità assoluta, 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno. Accanto a lui, nella gestione delle attività, la figlia Alice, il suo compagno, e Stefano Ricci, arrivato in questo contesto qualche anno fa, che si dedica alle lezioni e all’addestramento.

“Il contesto della struttura ci consente di differenziare molto le nostre attività – commenta Stefano – andiamo infatti dalla prima messa in sella, all’apprendimento delle tecniche di base, per poi arrivare alle passeggiate. Ci troviamo in una location limitrofa ad una zona boschiva, completamente immersa nel verde, e possiamo arrivare a 3-4 ore di escursione senza mai toccare l’asfalto”.

A El Vachero si pratica sia la monta inglese sia quella americana, e talvolta vengono organizzate delle gimkane. Il tutto, però, senza perdere lo spirito amatoriale delle attività del centro. “Vengo dal mondo dell’agonismo – continua Stefano – e proprio per questo qui ho voluto che il clima restasse assolutamente familiare..Chi viene qui deve divertirsi, rilassarsi, proprio come in una grande famiglia”.

Non c’è un “cliente tipo” del maneggio, che ospita bambini e adulti…E ci sono clienti fidelizzati ma anche turisti, alla scoperta del territorio naturalistico, che magari decidono di provare l’esperienza di visitarlo…in sella! Non ci sono neanche “cavalli tipo” perché ce ne sono delle razze più disparate…quello che conta è il loro star bene, e l’affidabilità per gli allievi.

Tra i progetti per il prossimo futuro, un’ampliamento della struttura: “Vorremmo arrivare ad avere 40 box, e magari una tensostruttura per il maneggio coperta, che permetta ai nostri clienti di montare con qualsiasi condizione di clima”.

Giorgia Ferrero