• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
  • Go to Home
  • 0383 378944 | 348 3109883
  • segreteria@sitogea.net
Logo

Articoli Engea

Savvy Horse: naturalmente a cavallo..!

La location è Franconalto, in provincia di Alessandria, ma vicinissima all’uscita di Busalla (Ge). Tra la città e l’Alta Via dei Monti Liguri, sorge il Savvy Horse, un centro equestre dove le parole “natura” e “naturale” la fanno da padrone, per l’ambiente e per la gestione dei cavalli…

Anzitutto…Savvy Horse: cosa significa il nome del centro?

Savvy Horse-  Savvy è un termine che viene utilizzato per indicare un concetto molto ampio, indica la piena conoscenza e comprensione del cavallo, del loro linguaggio e del loro comportamento per riuscire a creare una relazione basata sulla fiducia e la comunicazione.

Quando è nato il maneggio e quali sono le sue peculiarità?

Il nostro centro è nato nel 2010, situato in prossimità dell’ Alta via dei monti liguri, è un luogo adatto per gli amanti dell’escursionismo equestre e per chi vuole avvicinarsi all’equitazione naturale.
Offriamo anche molti altri servizi come pensione per cavalli, lezioni di equitazione, rieducazione e addestramento, attività per bambini e settimane verdi.

Chi “guida” il Savvy”?

Il Savvy Horse è un maneggio a conduzione familiare, infatti i gestori sono Elena Bono, Guida Equestre Ambientale Certificata, nonché formata e seguace del metodo Parelli, e suo padre Antonio, Presidente dell’associazione.

E chi sono i principali utenti finali?

Gli utenti sono persone di diverse età, dai più piccoli ai più grandi, tutti accomunati dall’amore per la natura e per questi splendidi animali, cercando di divertirsi e condividere questa passione in un ambiente sereno e familiare, senza particolare interesse per l’agonismo ma privilegiando il benessere del cavallo.

Prossimi progetti?

Progetti ce ne sarebbero tanti … Uno di questi molto importante sarà che il prossimo anno potremo finalmente svolgere anche l’attività di ippoterapia con Elena come coadiutore del cavallo e con la collaborazione di altri professionisti del settore.

 

Intervista di Giorgia Ferrero