• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP

Articoli Engea

Little Paradise Ranch…un hobby che diventa impresa

“E’ nato tutto per caso, avevo 10 cavalli e parecchi terreni a disposizione, ma a cavallo ci si andava per fare passeggiate tra amici…E poi, anziché impiegare lo spazio a disposizione per i vigneti, come molti fanno da queste parti, ho deciso di dare seguito a quello che era ed è un mio hobby”.

E’ quanto ci racconta Stefano Luisetto, ed è la storia del Little Paradise Ranch di Motta di Livenza, che ora di cavalli a disposizione ne ha 32, utilizzati per dressage, salto, passeggiate.

“Il 90% della ns attività – continua Stefano, è con i bambini fino ai 18 anni…Sono circa 80 quelli che gravitano attorno al circolo..Da poco si stanno avvicinando anche un po’ di adulti…che magari hanno più interesse per le passeggiate..abbiamo bellissimi percorsi, dalle Prealpi alla pianura..”..

I cavalli del Ranch sono per la stragrande maggioranza spagnoli, qualche cavallo da salto e poi cavalli di taglia medio piccola..Non mancano 5 o 6 pony per le lezioni dei più piccoli.

Nello staff ci sono 5 istruttori, non tutti fissi, e diversi esterni che si prodigano per far funzionare tutto al meglio. Non mancano un campo coperto da 50×30 e numerosi campi e paddock. Testimonianza che, quello che era un “gioco”, è diventata una vera e propria impresa.

I progetti per il futuro?

“Sicuramente – conclude Stefano – mi piacerebbe poter differenziare e implementare le attività, di modo che chi desidera darsi all’agonismo lo possa fare, mentre coloro che, come me, hanno bisogno di relax e natura, possano godere di questi territori in sella”.

Giorgia Ferrero