• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP

Articoli Engea

Asd Mountain Pass…lungo la Via Valeriana, dove l’equitazione si fonde con le montagne

Il nome, di per sé, dice già tutto. Mountain Pass.. Montagne, quindi, al centro dell’attività di questa Asd in attività ormai dal 1997. E poi quel “Pass”…Che vuol dire passeggiate, escursionismo equestre, tra le caratterizzazioni principali del cento. Ma anche passaggio, in quanto il maneggio è situato da quella che un tempo costituiva l’unica via di accesso dalla Valle Camonica alla città di Brescia…una strada che di storie da raccontare, sicuramente ne ha molte…

Mountain Pass Zone… che significato ha questo nome?

Mountain Pass racchiude in sé un nome evocativo, storie di valichi ed avventurosi percorsi. Il nostro maneggio sorge poco distante da quella che, in passato, costituiva l’unica via di accesso alla Valle Camonica dalla città di Brescia: l’Antica Via Valeriana, la cui mulattiera ancora oggi percorriamo a cavallo lungo alcuni dei percorsi che proponiamo nelle nostre passeggiate. Una storia di passaggio, di valichi, passi e di antiche vie da ritrovare e riscoprire!

Da chi e come nasce l’idea del maneggio?

Era il 1997 quando Angelo Bonsi ed alcuni soci hanno dato origine ad una prima, embrionale versione del Mountain Pass. Un grande sogno ed un grande investimento nato dalla passione per il proprio territorio e per i cavalli. Un progetto in cui non sono mancate avversità e difficoltà, ma a cui non hanno mai rinunciato ed in cui tuttora, la famiglia Bonsi continua ad investire energia e verace passione. Un sogno a cui poi, più tardi, si sarebbe aggiunto Gianfausto Bonini, Guida Equestre Ambientale ed attuale Presidente dell’associazione che, in linea con l’ideale iniziale del maneggio, continua a proporre una genuina esperienza equestre con il supporto di ogni collaboratore. 

Il vostro territorio, le montagne, quanto contano nella vostra attività?

Il nome lo dice da sé, non potremmo immaginare un Mountain Pass senza le nostre montagne. A pochi km dalla città, in uno scenario pedemontano che, in poche ore, mostra già paesaggi prettamente alpini, si svolge la gran parte della nostra attività. Abbiamo la fortuna di poter contare su un territorio di grande valenza paesaggistica, che offre ai nostri frequentatori non solo di godere di un’esperienza equestre differente dalle più canoniche escursioni di campagna, ma anche di misurarsi e confrontarsi con un ambiente sempre vario per tipologia di percorsi, terreni e situazioni, passando dall’alpeggio assolato alle distese di neve invernale che avvolgono ogni cosa in un’atmosfera fatata. La montagna ci offre anche un’altra importantissima opportunità: la lontananza dalle grandi fonti di inquinamento della città e delle campagne, e la presenza di ampi e liberi spazi aperti, ci permette di consentire ai nostri cavalli una naturale e preziosa vita all’aria aperta, in branco, in tutte le stagioni, con un’alternanza sempre ricca e varia di pascoli. 

Passeggiate… ma non solo… cos’altro è il Mountain Pass?

Prima di tutto, Mountain Pass è amore per la natura. Ogni nostra attività possiede l’insito obiettivo di creare e mantenere una relazione il più possibile armoniosa e naturale con il nostro territorio, i nostri animali e le persone che ci circondano che qui possono trovare un ambiente che si propone di essere collaborativo, semplice, genuino, lontano da qualsiasi forma di agonismo.

Le nostre escursioni si sviluppano su diversi sentieri e sono suddivise per grado di preparazione equestre, dalle larghe vie boscose all’escursione per antonomasia, la salita al Monte Guglielmo (mt.1957) da cui si gode una vista a 360° sulle valli circostanti, sul Lago d’Iseo e le Torbiere del Sebino e su tutta l’arcata delle Prealpi Lombarde, le Dolomiti ed il Brenta.

Giorgia Ferrero – Docente e Formatore Resp. Piemonte