• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP

Articoli Engea

Un’Oasi di benenessere, cavalli e natura…

La location, è un’oasi naturale del WWF nell’Alta Val di Taro, sull’appennino parmense. Seicento ettari di prati, boschi e torrenti, casa di diversissime specie di animali, piante e funghi. E’ qui che Elena e Roberto vivono, svolgendo da volontari l’attività di custodi. Ed è qui che hanno deciso di aprire un piccolo centro equestre, che potesse far vivere l’esperienza di una visita all’oasi…nel corso di una passeggiata a cavallo!

Una scelta di vita, la loro, che ha un passato proveniente da vite cosiddette “normali”, come racconta Elena: “I cavalli sono da sempre nella nostra vita, ma prima erano soltanto una passione. Ho un passato come groom, ma poi il mio lavoro per anni è stato quello di Area Manager in una catena legata al food per gli animali. Successivamente, abbiamo acquistato una casa a Berceto, e la nostra attività principale era la produzione di formaggi…Bello, ma molto impegnativo, e così con il mio compagno abbiamo maturato la scelta di una vita più tranquilla”..

Ed ecco quindi l’ingresso nell’oasi, il lavoro agricolo, e l’ingresso di animali da fattoria. “Già così, – continua Elena – ci siamo accorti che le coltivazioni e il far pascolare i nostri animali, aumentava la biodiversità. E quello di far capire il rapporto tra uomo e natura è proprio un po’ il fine che ci riproponiamo negli incontri con privati, scuole, gruppi”. E poi, l’idea del centro equestre: “Già, e tutto questo non sarebbe stato possibile senza Engea, e l’incoraggiamento di Ivan Tassone e Tino Nicolosi, che ci hanno spronato a far diventare realtà le nostre idee. Oltre a loro, è stato fondamentale anche Guido Sardella, la persona che si occupa della parte naturalistica (censimento delle specie, accompagnamenti a piedi) che ha appoggiato l’iniziativa. E così, dopo il corso, eccoci con 6 cavalli e un pony…Non siamo un maneggio classico, e proponiamo appunto un avvicinamento naturale anche al cavallo, da terra e poi in sella, per arrivare alle passeggiate, intervallate da pause in cui spieghiamo cosa c’è all’interno dell’oasi”. 

C’è poi anche una piccola produzione, di formaggi e di salumi da parte di Roberto, di cui gli ospiti possono beneficiare nel corso della loro visita. 

Progetti per il futuro dell’oasi e dell’attività? “Sicuramente un rapporto ancora più stretto e naturale con gli animali. Mi sono appena iscritta ad un corso di Equitherapy per approfondire alcune tematiche, che spero poi di trasferire a chi passerà di qui a trovarci, facendoli stare bene”. E sicuramente, con due padroni di casa così, il far star bene è sicuramente al centro. 

Giorgia Ferrero