• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP

Dipartimenti Engea

Ponyrangers

Arrivano i PONYRANGERS

Giovani esploratori a cavallo, sono bambini dai 6 anni in poi che diventando ponyrangers impareranno non solo nozioni e tecnica equestre di base, ma si cimentano in attività di monta naturale, etologia, e outdoor education.

Un percorso mirato gli consentirà di gestire e conoscere ogni possibile reazione del cavallo all’interno del maneggio e all’esterno, e di camminare nella natura, riconoscendone biodiversità ed ecosistemi.

La valenza primaria dei ponyrangers è di tipo educativo e sociale, come ci racconta una delle ideatrici del progetto “la società di oggi è competitiva, ai bambini è richiesto di essere bravi a scuola, bravi nello sport, riempiamo i loro pomeriggi di attività e cose da fare. Per alcuni bambini va bene per altri la pressione è davvero troppo grande e non sentendosi all’altezza a volte si tirano indietro, smettono di provare, si chiudono in loro stessi. La capacità di avere delle relazioni funzionali e stimolanti è la base per lo sviluppo di quella che Goleman definisce intelligenza emotiva, ossia la capacità di riconoscere e gestire le proprie ed altrui emozioni. Avere dei momenti insieme, prendersi cura di qualcun altro all’infuori di se, passare tempo a contatto con la natura vista come casa, aiuta i bambini ad aprirsi ad imparare a comunicare a prendersi cura l’uno dell’altro, ad essere responsabili in maniera naturale

Essere ponyrangers significa imparare a vivere nel branco, fare parte di una famiglia. E’ un attività di squadra senza competizione nessuno vince nessuno deve essere migliore di un altro. Semplicemente chi è più bravo aiuta chi sta imparando in un ottica di scambio reciproco. Le attività variano tra lezioni di equitazione, escursioni a piedi, lezioni di orientamento e cartografia, etologia e attività di squadra.

Il primo gruppo nasce in Abruzzo dall’ASD EQUANIME CENTRO EDUCATIVO EQUESTRE con il Capo ponyrangers Ramona Sorricchio, realtà particolarmente incentrata su attività educative con i cavalli ed i pony. Venerdì 31 luglio 2020 i primi 30 ragazzi hanno fatto il loro giuramento da veri tutori della natura e ambasciatori della tutela del territorio e degli animali.

“Da oggi scelgo di essere un pony rangers e prometto di impegnarmi in ogni cosa che faccio, non per essere bravo ma per rispetto di me stesso, di non giudicare mai dalle apparenza nessuno di rispettare tutte le creature della terra e dedicare parte del mio tempo agli altri….”

(tratto dalla promessa dei ponyrangers)

Ma quali sono le peculiarità del ponyrangers?

  1. Permette ai bambini di vivere l’esperienza cavallo in modo molto amplio: i ragazzi oltre ad imparare nozioni e tecnica equestre devono essere in grado di gestire un cavallo da terra, in campo o in esterno, devono essere capaci di aiutare un compagno a salire o scendere. Per tanto fanno parte del percorso formativo anche, attività motoria e psicomotoria, basi di etologia, comunicazione, ed equitazione naturale.
  2. E’ inclusivo, possono partecipare al percorso dei ponyrangers sia ragazzi con una buona base tecnica sia ragazzi che non hanno particolare predisposizione o interesse per l’equitazione.
  3. Attraverso il cavallo i bambini scoprono la natura, imparano a leggere i segnali a camminare negli spazi aperti, e quindi ad apprezzare il territorio in tutte le sue forme.
  4. Amplia l’offerta formativa e didattica dei centri permettendo di offrire un percorso con obiettivi precisi “alternativo” ai ragazzi che non amano l’agonismo e comunque non esclude anche chi ama fare agonismo.
  5. Crea relazioni e spirito di gruppo, scambiando esperienze e giochi i ragazzi diventano una vera e propria squadra capace di lavorare insieme.

Ogni bambino o ragazzo dovrebbe trovare il suo “branco” con cui condividere sogni, avventure e obiettivi.

Che aspetti ad unirti al nostro branco???

Vorresti creare un raggruppamento di ponyrangers?
Per scoprire come fare non devi fare altro che contattare la Referente Capo Ponyrangers Ramona Sorricchio per partecipare ad un seminario e creare il tuo raggruppamento! Tante le attività, tante le opportunità per crescere e svilupparsi!
Per info: Ramona Sorricchio 329 4253509