• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
  • Go to Home
  • 0383 378944 | 348 3109883
  • segreteria@sitogea.net
Logo

Articoli Engea

Nuovi Quadri Tecnici dal corso di Accompagnatore Equituristico all’Oasi dei Ghirardi

Presso la riserva naturale regionale Oasi dei Ghirardi in Borgo Val di Taro (PR),  all’interno del centro visite gestito dal W.W.F., si è concluso in data 13/10/2019 il corso per Accompagnatore Equituristico.

Numerosi sono stati gli argomenti teorici trattati in aula e le attività pratiche effettuate in maneggio ed in escursione all’interno della riserva naturale Oasi dei Ghirardi: una area di circa 600 ettari costituita da boschi, prati e torrenti che offrono rifugio a molte specie di piante, funghi ed animali tra i quali non possiamo non ricordare il lupo.

All’interno della riserva, i discenti, oltre a sperimentare “nella pratica” i principali concetti di tecnica equestre, hanno potuto godere degli scenari che danno vita ad un paesaggio ricco di storia e tradizioni, in cui i colori, profumi ed atmosfere sono rimasti inalterati nel tempo.

Una menzione a parte va fatta per un altro simbolo della biodiversità dell’Appennino parmense: il Cavallo Bardigiano.

Questo cavallo trae il proprio nome del paese medioevale di Bardi, sull’Appennino parmense. Le condizioni ambientali e di allevamento hanno conferito a questi cavalli robustezza, rusticità , resistenza e soprattutto una giusta nevrilità unita a doti di grande equilibrio e docilità.

Il Bardigiano, proprio per le sue caratteristiche, veniva impiegato per i lavori nei boschi e in campagna (ad es. trasporto della legna, del carbone e delle castagne a basto, traino dei tronchi e dei carri etc.). Oggi il Bardigiano è un ottimo soggetto per le escursioni, per tempo libero e per lo sport.

Cogliamo l’occasione per complimentarci con i nuovi Quadri Tecnici per l’importante traguardo professionale raggiunto, con l’auspicio che possano “raccontare” ed essere “custodi” di questi luoghi e della sua biodiversità.

Ivan Tassone