• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
  • Go to Home
  • 0383 378944 | 348 3109883
  • segreteria@sitogea.net
Logo

Articoli Engea

L’osteopatia animale: L’esperto in osteopatia animale (E.O.A.)

Di cosa si tratta?

L’ OSTEOPATIA ANIMALE o a volte “erroneamente” chiamata OSTEOPATIA VETERINARIA, è radicata da oltre 20 anni a livello europeo.

Deriva da esperti in osteopatia francesi e inglesi, che nel corso degli anni hanno sviluppato conoscenza dell’anatomia, della biomeccanica e della fisiologia animale.

Alcuni veterinari in seguito insieme a questi pionieri dell’osteopatia animale hanno perfezionato i principi e le tecniche sugli animali e negli anni 90 delineando i primi percorsi formativi per ESPERTI IN OSTEOPATIA ANIMALE.

Con la definizione di “Osteopatia Animale” si intende tutta la materia teorica e pratica orientata allo studio, alla valutazione e normalizzazione dei macro e micro movimenti attivi e passivi dei tessuti superficiali e profondi, dei fluidi, delle aree intra ed extra-articolari, legamentose, aponeurotiche, fasciali, nervose, vascolari, durameriche, linfatiche, viscerali e dei ritmi biologici involontari dell’Animale, a qualsiasi razza e specie esso appartenga.

Lo scopo principale dell’approccio filosofico, scientifico e manuale dell’ “Osteopatia Animale” è di considerare l’animale in maniera sistemica come unità funzionale, operando sui meccanismi cellulari, tessutali, neurologici e somato-emozionali-etologici per indurre nei tessuti l’attivazione dei fisiologici meccanismi di autoguarigione, eliminando i blocchi di movimento (micro e macro movimento) che vengono riscontrati durante l’indagine manuale.

Essa si avvale pertanto, sia in fase di valutazione che in fase di normalizzazione, di tecniche manuali non invasive che agiscono su tutti i tessuti dell’animale senza in alcun modo comportare interruzione di continuità dei tessuti stessi.

La valutazione implica la “palpazione percettiva” dei tessuti molli e duri e l’uso di test specifici e originali di macro e micro mobilità tessutale, locale e generale. Tali Test e Manovre specifiche ed originali proprie dell’ “Osteopatia Animale” possono essere classificate nei seguenti approcci caratteristici ed esclusive per l’Ambito Animale:

  • approccio muscolo-scheletrico: tecniche e test sui tessuti osteo-articolari
  • approccio mio-fasciale: tecniche e test sui tessuti muscolo-aponeurotici, legamentosi e fasciali
  • approccio ai ritmi biologici involontari: tecniche e test sulle suture craniali, sacrali, sulle membrane e sui fluidi, sui sistemi di regolazione neurovegetativa ed endocrino-immunitaria; tecniche e test sui tessuti di vario genere in contiguità con i gangli del SNA e sui fasci vascolo-nervosi corporei, raggiunti mediante palpazione tessutale cutanea superficiale e profonda non invasiva, per via diretta o riflessa
  • approccio ai tessuti molli: tecniche e test sui tessuti viscerali, i loro mezzi di tenuta ed i relativi fasci vasculo-nervosi, raggiunti mediante palpazione tessutale cutanea superficiale e profonda non invasiva
  • approccio bio-psico-somatico: tecniche applicate mediante gli approcci citati sopra con prevalente effetto sui complessi reattivi tessutali legati alla sfera biologica, etologica e somatica oltre che istintiva, comportamentale ed emozionale.

Un Po’ di Storia

Nel 1993 si ha l’apertura della prime scuole di formazione in osteopatia animale , come ESAO fondata da Mr. JY Girard, Eric Destra e Didier Fontaine ed EOA fondata da Dominique Giniaux.

Successivamente nel 1997 la formazione si trasferisce in Inghilterra per offrire un vero e proprio diploma accreditato da un organismo nazionale.

Nel 2002  l’ESAO viene accreditata dal Consiglio di Accreditamento Britannico (BAC), organizzazione indipendente fondata nel 1984 che si propone di migliorare e mantenere alta la qualità delle istituzioni scolastiche private in Gran Bretagna.

Proprio nel 2004 nel Regno Unito nasce il S.O.A.P. (Society of Osteopaths in Animal Practice) che fornisce supporto professionale, orientamento, news e aggiornamento continuo per Osteopati registrati nel Regno Unito iscritti e certificati dal GOsC successivamente Certificati come Esperti in Osteopatia Animale.

Nello stesso anno ESAO è certificata ISO-9001. Pochi anni dopo ovvero nel 2007 viene fondata, su iniziativa di diversi professionisti la Federazione Europea di Osteopatia Animale (FEOA) e da questa viene redatta la carta di qualità con Maitre Isabelle Robard,  avvocato specializzato nella difesa della medicina non convenzionale (TM/CAM), e in particolare osteopatia animale.

Il 2008 è il momento dell’Italia dove viene indetto il 1° Corso Nazionale di Terapia Manuale Veterinaria organizzato da Paolo Tozzi e Giusva Gregori con l’ente Provider AIROP e la partnership delle scuole di Osteopatia di Roma CROMON e STILL OSTEOPATHIC INSTITUTE (SOsI) e dei rispettivi Direttori.

L’anno successivo nasce in Francia il sindacato degli enti di formazione in osteopatia animale francesi SFOAE e l’ente associativo professionale l’IPOAM e nel 2011 viene pubblicata una petizione in difesa della professione, inoltre vengono sostenuti tavoli di lavoro con gli enti ministeriali predisposti per l’esercizio legittimo degli esperti in osteopatia animale non veterinari.  Nello stesso anno viene riconosciuta in Francia la figura professionale e la registrazione certificata delle competenze degli Esperti in Osteopatia Animale.

Il programma di studi di ESAO, EOA e delle altre scuole europee si organizza secondo le linee guida del dell’OMS sulla formazione degli esperti nell’area Complemantary & Alternative Medicine e proprio in Italia Giusva Gregori e Walter Martinelli in partnership con Still Osteopathic Institute e la Direttrice Paola Sommajuolo attivano il primo corso biennale per l’Osteopatia Animale (S.Os.I. DO.A.).

L’anno successivo ed esattamente l’8 gennaio 2012 Jean-Yves Girard e Edward Benque incontrano i vertici ministeriali deputati per presentare le linee guida della FEOA sulla formazione degli esperti in osteopatia animale. Il 2012 si rivela un anno fondamentale per l’Italia perché dopo aver promosso per la prima volta e realizzato con successo le prime due edizioni del “Congresso Nazionale di Medicina Osteopatica”, la Fondazione L.U.Me.N.Oli.S e la Scuola di Osteopatia C.R.O.M.O.N. di Roma presentano in anteprima il Primo Congresso Internazionale di Medicina Osteopatica in Ambito Veterinario, riscuotendo un enorme successo mediatico e scientifico.

Nel 2013, al termine del primo percorso italiano, indetto da Still Osteopathic Institute (SOsI) per l’osteopatia animale, vengono certificati con Diploma di Competenza Tecnica in Osteopatia Animale.

A seguire in Italia è stata una continua crescita per la qualità formativa e la diffusione professionale di questa nuova disciplina, moltissimi eventi mediatici televisivi, conferenze e congressi dove l’Osteopatia Animale ha trovato e trova visibilità con i suoi esponenti di spicco, Paolo Tozzi, Walter Martinelli e Giusva Gregori.

Nel 2014 le forze tornano ad unirsi proprio come nel 2008, C.R.O.M.O.N. e S.Os.I fondono il loro know-how nella scuola di formazione di Medicina Complementare EDUCAM, dando origine anche all’ISTITUTO di FORMAZIONE in OSTEOPATIA ANIMALE-I.F.O.A. (EDUCAM IFOA), che vanta accreditamenti nazionali e internazionali con sedi gemellate anche in altri Stati Europei.

Proprio nel 2014 il Dott. Paolo Zavarella, il Dott. Giusva Gregori e il Dott. Paolo Tozzi redigono il percorso formativo e il profilo professionale dell’E.O.A. in linea le Scuole Europee per Esperti in Osteopatia Animale-E.O.A. e con gli standard formativi definiti dall’OMS nel 2010 secondo la strategia WHO 2014-2023 per le TM/CM.

Ad oggi in Italia sono circa cinquanta gli Operatori Esperti in Osteopatia Animale, e molti altri sono in formazione, che seguono un codice deontologico, un regolamento e che sono in possesso delle certificazioni di competenza.

Gli stessi hanno dato vita, nel 2018, alla prima Associazione Nazionale di categoria definita Registro Esperti in Osteopatia Animale-R.O.A..

Chi è l’Esperto in Osteopatia Animale

Possono definirsi “E.O.A. (Esperto in Osteopatia Animale)” coloro che, dopo aver frequentato e superato i tre anni previsti per la formazione con una frequenza alle ore Frontali, di Autoformazione e Tirocinio per un totale di 180 Crediti Formativi equivalenti, hanno superato l’Esame Finale in Commissione Mista dove è presente anche un membro del Comitato Tecnico Scientifico del Registro Esperti in Osteopatia Animale ( R.O.A.) e sono in possesso del Diploma di Competenza Tecnica di “Esperto in Osteopatia Animale” ed abbiano elaborato e discusso la Tesi sperimentale di fine corso alla presenza della Commissione.

Oggi l’Osteopatia Animale è una disciplina non regolamentata in Italia tant’è che uno degli scopi sociali del Registro Esperti in Osteopatia Animale è quello di incoraggiare e sostenere l’inclusione dell’Osteopatia Animale e dei relativi operatori nel quadro della legge n. 4/2013 in relazione alle specifiche norme vigenti.

E’ fondamentale sapere che l’Esperto in Osteopatia Animale non è in alcun modo abilitato ad effettuare valutazioni manuali, palpazione percettiva, trattamenti manuali, “test e tecniche osteopatiche” sui tessuti dell’uomo e non è abilitato alla Diagnosi Medico-Veterinaria, in seguito alla specifica richiesta del tutore dell’Animale, che dichiara non essere affetto da patologia organica conclamata e non curata e che richiede appositamente una “Valutazione ed una Normalizzazione Osteopatica Animale” ( valutazione funzionale specifica dei tessuti e degli apparati con una visione sistemica dell’organismo animale).

L’Esperto in Osteopatia Animale, valorizza in modo assoluto le competenze del Medico Veterinario e inoltre lavora e collabora a stretto contatto e anche su indicazioni di questo senza mai sovrapporsi in ruoli o competenze.

Il Congresso BECAM 2.0 Animal Osteopathy & Wellness

A settembre 2018 si è svolto presso il magnifico contest del Relais Castrum Boccea a Roma il Congresso Internazionale sul Benessere Animale – “BECAM 2.0 Animal Osteopathy & Wellness”,due giorni con 24 relatori di fama internazionale, 7 sessioni in sala plenaria e 12 workshop pratici.

E’ stato un evento unico nel suo genere con l’obiettivo di proporre l’evidenza e l’efficacia di un’Osteopatia Animale applicata ai volatili, agli equini, ai rettili, agli elefanti, ai piccoli animali esotici a quelli di compagnia, in sinergia e complementarietà con le Discipline del Benessere Animale.

Hanno svolto docenze e workshop Veterinari, Maestri Reiki, Esperti in Osteopatia Animale, Toelettatori, Educatori, Istruttori ed Addestratori Cinofili e tanti altri Esperti riconosciuti a livello Internazionale.

In occasione del congresso BECAM 2.0 c’è stata una tavola rotonda dalla quale è stata prodotta e firmata una dichiarazione di intenti da parte di numerosi stati europei (Olanda, Germania, Spagna, Polonia, Regno Unito) tra cui, ovviamente, l’Italia presieduta dal Responsabile Formativo IFOA, Giusva Gregori e dal ROA (Registro Esperti in Osteopatia Animale)col la Presidente  Benedetta Nesti, Medico Veterinario esperto in Osteopatia Animale, per unire ed uniformare le modalità sia a livello formativo che professionale.

L’evento presto sarà riproposto al fine di sensibilizzare sempre di più gli aspetti etici, deontologici, formativi e professionali di tutte le Discipline Olistiche per gli Animali e le Discipline di Bellezza & Benessere per gli Animali, ovvero tecniche e conoscenze, dove il termine “Olistiche” indica la totalità, ossia prende in considerazione l’essere vivente Animale nella sua globalità, e dove il termine bellezza e benessere possono risultare un connubio fondamentale per la promozione di salute nell’animale in modo integrato insieme e nel pieno rispetto di tutte professioni che si occupano della cura dell’animale.

Formarsi in Osteopatia Animale

Il gruppo ENGEA e OIPES con l’apertura del Nuovo Dipartimento sulle Discipline Olistiche per gli Animali e le Discipline di Bellezza & Benessere per gli Animali, danno il loro patrocinio e qualificano il percorso formativo degli Esperti in Osteopatia Animale IFOA siglando la qualità delle competenze che si ottengono tramite il rilascio del patentino tecnico ENGEA e le attestazioni di Competenza Tecnica di Esperto In Osteopatia Animale, oltre all’inserimento dei professionisti nel registro pubblico degli enti stessi.

La Scuola di Osteopatia Animale I.F.O.A. persegue i seguenti scopi: FORMAZIONE, INTEGRAZIONE, RICERCA, DIVULGAZIONE, CLINICA nel settore dell’OMT (Trattamento Manipolativo Osteopatico) in ambito Animale.

Tale MISSION è raggiunta operando sui seguenti livelli: Formazione Teorica, Pratica e Tutoriale, Tirocinio Clinico Guidato, Ricerca.

La Scuola prevede tre tipologie di percorsi formativi con frequenza differenziata ovvero il Part Time, il Mix Mode e il Full Time, in base ai titoli di studio pregressi del corsista.

Inoltre la Scuola IFOA, Il Registro degli Esperti in Osteopatia Animale e tutti gli E.O.A. collaborano attivamente con il gruppo ENGEA e OIPES e si rendono disponibili per una sensibile collaborazione con tutti i professionisti e le associazioni del gruppo ENGEA – OIPES.

 

Per informazioni su collaborazioni e iscrizioni ai percorsi formativi IFOA:

Responsabile segreteria organizzativa  IFOA Cristina BELTRAMO

Cell:  348.049.57.20 – Fax:  06.233.235.393

Info.ifoa@educam.it

Visita i social IFOA per conoscere il mondo dell’Osteopatia Animale

IFOA – Istituto di Formazione in Osteopatia Animale