• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
  • Go to Home
  • 0383 378944 | 348 3109883
  • segreteria@sitogea.net
Logo

Dipartimenti Engea

Engea Wild Team

LA FILOSOFIA DEL DIPARTIMENTO E.W.T.

Imparare a muoversi con il proprio cavallo, asino o mulo a stretto contatto con la natura selvaggia, utilizzando solo ciò che essa mette a disposizione.
Un ritorno al passato, un’attività antica quanto l’uomo che non può essere appresa solo sui libri di testo, ma si impara con la pratica in ambiente ostile riuscendo comunque a vivere con minori esigenze, utilizzando come prima risorsa la propria volontà e capacità di adattamento, apprendendo che non é sfidando la natura che si sopravvive ma solo conoscendola a fondo e diventando parte di essa.

E.W.T. ti consentirà di tornare indietro nel tempo e di trascorrere momenti all’insegna dell’avventura allo stato puro!

ENGEA WILD TRAINING:

Nasce per progettare e realizzare interventi di formazione complementare per i binomi ENGEA basati sull’esperienza outdoor; particolarmente indicata per tutti coloro che ricoprono incarichi associazionistici, a qualsiasi livello, e Quadri Tecnici di ogni ordine e grado, è rivolta altresì AI SINGOLI TESSERATI/ASSOCIATI PGS AVENTI COME REQUISITO MINIMO IL 3 LIV o interi Dipartimenti, Delegazioni Regionali/Territoriali, Associazioni asd, nonché aziende ed organizzazioni anche esterne ad Engea operanti nel settore equestre, che vogliano sperimentare una formazione innovativa, altamente coinvolgente e realmente efficace per lo sviluppo dello spirito associazionistico e/o aziendale e delle competenze professionali, oltre la tecnica equestre, richieste ai vari dirigenti/quadri tecnici.

Un lavoro di squadra, partendo dalla base nell’equitazione “il binomio”, fa raggiungere prima il traguardo. Collaborare nelle difficoltà sono attività che suscitano ai partecipanti una forte carica adrenalinica e molto motivanti, un primo passo per unire un gruppo perché è la stessa difficoltà che coinvolge e stimola l’aggregazione.

E se la squadra Engea è ben accordata il successo è sicuro!

La Formazione

Nella nostra prima e, ad oggi, unica Area Geografica di Addestramento (AGA), il Parco Equituristico Majella e Morrone, situato in uno splendido scenario montano, abbiamo naturalmente a disposizione molti degli aspetti e delle realtà riscontrabili in una reale situazione di sopravvivenza in ambiente non antropizzato. L’utilizzo del survival come strumento formativo è basato su attività di simulazione non a rischio per i binomi, finalizzate alla sperimentazione ed osservazione delle dinamiche comportamentali, delle tattiche e strategie di risoluzione che innescano le difficoltà; le condizioni maggiormente ostili per il nostro cavallo, asino o mulo, saranno affrontate con dotazioni ed alimentazione che in ogni situazione di impiego e condizione meteo garantirà tutela e benessere ai nostri animali.

La metodologia Engea Wild Training è basata sulle seguenti componenti:
piccoli gruppi di binomi per garantire una buona assimilazione delle tecniche dell’apprendere per esperienza, per evitare confusione e per avere degli standard di sicurezza ottimali; inoltre il numero ridotto dei binomi garantisce un basso impatto ambientale.

Umiltà e grande spirito di adattamento sono qualità proprie di chi decide di mettersi alla prova con l’E.W.T.; si percorrono lunghi tratti o intere giornate a piedi con vento, pioggia, neve, scarsa visibilità; ogni energia è profusa per il benessere del binomio e l’integrità del gruppo; il proprio sapere, la propria esperienza pregressa, al servizio della squadra e tutte le attenzioni rivolte sempre all’anello più debole perché la difficoltà di uno si riverserà inevitabilmente sul gruppo.

Il cavallo, mulo o asino: l’ambiente in cui l’equide è stato allevato, il suo allenamento, la sua esperienza ed addestramento ad avere piede sicuro, avranno un impatto fondamentale sulle sue prestazioni in condizioni ostili. Un equide che affronta i moduli E.W.T., deve essere stato allevato in una situazione che gli abbia permesso di esprimere la sua natura equina. In altre parole, la cosa migliore è che il cavallo, mulo o asino sia stato cresciuto in abbondante spazio per giocare con altri suoi simili. Deve aver avuto un’alimentazione adeguata per l’accrescimento, ma non deve essere stato sovralimentato o sottoalimentato. Gli deve essere stato permesso di difendersi contro qualsiasi condizione meteorologica e aver altresì sviluppato un metodo di convivenza con le condizioni estreme. Ciò non significa essersi dimenticati di lui, abbandonandolo sotto il sole, la pioggia e neve in un paddock sovraffollato senza averlo sverminato e vaccinato regolarmente o senza avergli pareggiato gli zoccoli!!!

Esperienza all’aperto: l’attenzione è centrata sul “qui ed ora” collegando il processo di apprendimento a situazioni concrete. Le attività proposte attraverso il wild training sono reali e le conseguenze dei propri comportamenti immediate. Le attività outdoor sono integrate da altri strumenti e docenti della formazione tradizionale Engea (sessioni pratiche o teoriche all’aperto intorno al focolare) al fine di sistematizzare e rafforzare l’apprendimento facilitando la trasferibilità dei comportamenti e nozioni appresi, nella propria realtà associazionistica.

Creatività: il binomio, nel corso di un modulo E.W.T., si confronta con un terreno sconosciuto ed è costretto ad adattarsi, correre dei rischi, operare anche senza conoscere tutte le risposte, gestire situazioni di ambiguità oppure si trova a svolgere attività di teamworking e leadership, gestendole ed elaborandole però da differenti punti di vista.

Coinvolgimento: il binomio apprende attraverso l’allenamento, la prova, la sperimentazione dei propri comportamenti. Nessuno fornisce dall’esterno modelli e tecniche preconfezionate valide per tutti ma viene facilitata l’attivazione delle proprie risorse.

Responsabilità: preservare e gestire i materiali ed i vettovagliamenti in presenza di condizioni ostili è di primaria importanza; l’essere custodi della someggiatura al seguito, con le sue riserve e quindi essere custodi della possibilità di sopravvivere e raggiungere gli obiettivi, è altamente responsabilizzante e sintomo di estrema fiducia conquistata all’interno del gruppo.

Importanza dell’osservazione: il binomio si osserva mentre agisce (auto-osservazione) ed osserva il comportamento degli altri (etero-osservazione). Attraverso il wild training viene stimolato un processo di apprendimento non tanto “per prove ed errori” ma strutturando momenti in cui “ci si ferma e si riflette su”. Questo porta a scoprire le conseguenze negative di alcuni nostri comportamenti ma anche a valorizzare e sistematizzare le strategie costruttive inconsapevoli.

Divertimento: il momento didattico/formativo del wild training è associato anche al gioco dimostrando che si può imparare e crescere anche divertendosi. Viene così recuperata la dimensione ludica dell’apprendimento tipica degli adolescenti che, proprio perché utilizzano il gioco e l’emotività, riescono ad apprendere molte cose e molto velocemente rispetto agli adulti.

I Moduli Formativi di Engea Wild Training

Il programma dei moduli formativi E.W.T. è caratterizzato dalla diversa stagionalità dell’esperienza outdoor; é di tipo professionale con spazi di formazione, di approfondimento e pratica impegnativa; Engea Wild Training sarà tonificante per lo spirito e per il corpo oltre che un momento di speciale aggregazione fra tutti i binomi, all’insegna dell’avventura e del divertimento. Engea Wild Training è indicato per uomini e donne.

  • Modulo EWT “Lupo
    I moduli invernali si svolgeranno nei mesi di Dicembre, Gennaio e Febbraio ed avranno durata di 3 giorni (2 notti)
  • Modulo EWT “Orso
    I moduli primaverili si svolgeranno nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio ed avranno durata di 4 giorni (3 notti)
  • Modulo EWT “Aquila
    I moduli estivi si svolgeranno nei mesi di Giugno, Luglio Agosto ed avranno durata di 5 giorni (4 notti)
  • Modulo EWT “Cervo
    I moduli autunnali si svolgeranno nei mesi di Settembre, Ottobre e Novembre ed avranno durata 5 giorni (4 notti)

ENGEA WILD TEAM

I Quadri Tecnici TESSERATI/ASSOCIATI PGS AVENTI COME REQUISITO MINIMO IL 3 LIV a montare che avranno frequentato i 4 moduli stagionali previsti entreranno a far parte dell’Engea Wild Team.
Il Team ha lo scopo di mettere in luce ed in contatto fra loro, binomi altamente qualificati nei trekking, viaggi, raid ed avventure anche in ambienti e condizioni ostili, al fine di proporre al “mercato” dei viaggi a cavallo di ENGEA e dei Tour Operator, una risorsa preparata e competente. Il Wild Team è a disposizione e collabora, su richiesta, con il Dipartimento Ippovie Italiane Certificate di Engea; effettua ricognizioni o raid di individuazione e verifica di vecchi e nuovi itinerari fornendo dettagliate relazioni tecniche.

Il Wild Team è composto da persone affidabili che hanno superato prove e situazioni molto complesse e quindi dotate di buon senso e di sani principi, amici e cavalieri di cui ci si può fidare; il Wild Team crede nella forza del “branco” e fa suo il principio cardine dell’amicizia e della professionalità nello svolgimento degli incarichi associazionistici, a qualunque livello, in seno ad Engea.

Il Wild Team risponde direttamente al Dipartimento E.W.T., ed ha una propria Segreteria Nazionale indipendente, che riassume in se scopi ed obiettivi di praticità, efficienza e competenza; si occupa del rinnovo annuale per i propri appartenenti, della gestione e smistamento della corrispondenza e della comunicazione relativa ad informazioni generali e specifiche del Dipartimento stesso. Le iniziative, collaborazioni ed attività di qualunque genere in nome e per conto del Dipartimento, devono essere preventivamente presentate e vagliate dal Coordinamento Nazionale E.W.T. che le autorizza con apposita comunicazione.

Nelle fila del Wild Team vengono individuati, su disponibilità personale e richiesta al Coordinamento Nazionale E.W.T. che valuterà la comprovanza dell’iter formativo e esaminerà la candidatura, i Tutor E.W.T. che verranno assegnati ai vari moduli esperienziali su programmazione annuale, in qualità di osservatori con obiettivi di controllo e garanti dell’attivazione delle dinamiche dell’apprendere per esperienza.

Per informazioni:

Tino Nicolosi | cell: 3939229143 | e mail: segreteriaeps@sitogea.net