• Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali GROUP
ISCRITTA AL M.I.U.R. ALLO SCHEDARIO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLE ricerche art.64, comma 1, DPR 11 Luglio 1980 n382 cod 60948max
Riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare come "ENTE DI PROTEZIONE AMBIENTALE
con dec/ras/1123/2005 del 29/09/2005 ai sensi dell'art. 13 della L. 8 Luglio 1986 n°349
Iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione Lombardia LEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2
  • Go to Home
  • 0383 378944 | 348 3109883
  • segreteria@sitogea.net
Logo

Articoli Engea

I cavalcanti del Po

“I cavalcanti del Po” tra i nostri territori

Nei bellissimi sentieri…
accanto al “nostro grande fiume”

Legati da una forte passione per i cavalli, domenica 22 aprile 2018 si sono incontrati, per vivere una suggestiva giornata, i Cavalcanti del Po partiti dalle scuderie della Società Ippica Vogherese… si sono immersi nella natura, alla quale hanno fatto da cornice la nostra Pianura e il grande fiume Po

Correva l’anno 1884, in cui fu istituito un corpo civile su base circondariale per il controllo degli argini del Po, in caso di alluvioni, per il controllo della fauna venatoria e delle coltivazioni permesse nell’alveo del Po e per la verifica e controllo delle golene, delle chiaviche e della corretta applicazione della tassa sul macinato.

Le persone che facevano parte di questo corpo, su base volontaria, deputate alla verifica dei vari aspetti connessi alla vita lungo le rive del Po, per muoversi utilizzavano naturalmente l’unico mezzo all’epoca disponibile:
il cavallo! ed ecco nascere «i cavalcanti del Po», cavalieri che esperti di equitazione di campagna, si muovevano agilmente con i loro cavalli lungo il percorso del Po, da Torino sino alla foce, nell’Adriatico, mantenendo, in proprio, i cavalli nelle proprie dimore.

Tali cavalieri, profondi conoscitori della zona ove operavano, furono i precorritori delle moderne guide equestri ambientali, identificati all’epoca come cavalcanti in quanto montati su robusti cavalli di grande esperienza.
All’interno di questo corpo precorritore della moderna protezione civile vi erano degli incarichi specifici determinati dalla capacità ed esperienza di ogni singolo individuo.

Normalmente i cavalcanti si muovevano in coppia per le ispezioni che venivano eseguite lungo le rive del Po nel tratto di loro competenza.
Grazie ad engea ed alla societa ippica vogherese, asd che ha svolto, a mezzo del suo presidente benvenuti fabio, una ricerca in tal senso, si è potuto far rivivere questa prestigiosa tradizione di equitazione di campagna, autoctona della valle del Po, nella quale si fondono storia, tradizione ed esperienza equestre di campagna ad alto livello, che grazie al contributo di engea è assurta a vera disciplina equestre, specializzata e che nulla ha da invidiare ad altre attività di monta da lavoro e di campagna.